Migliore Smartphone Per Fare Foto Camerafonino (Giugno 2021)

Quasi tutti brandiscono una fotocamera in questi giorni perché ne hanno già una di default sui loro smartphone. Ma non qualsiasi telefono catturerà i migliori risultati, ed è per questo che alcuni si distinguono per motivi particolari.

La fotografia mobile è ora uno dei principali campi di battaglia per i venditori che cercano di superarsi a vicenda. Per fortuna, non si tratta solo di numeri, nonostante i megapixel abbiano raggiunto nuovi massimi, ma anche di quanto il software possa essere efficace per fare di più con i pixel disponibili. Questo può anche dipendere da come si guarda a ciò che il software ti dà, soprattutto rispetto alle varie modalità che i telefoni ora offrono regolarmente.

Stiamo parlando di una situazione in continua evoluzione, dove i nuovi cellulari possono soppiantare quelli vecchi, mentre altri si scambiano i posti in base a come i nuovi aggiornamenti hanno influenzato le prestazioni e l’output. Che si tratti di caratteristiche della modalità pro, software che fa cose sorprendenti, o di ottenere di più per ogni dollaro speso, questa carrellata è un buon punto di partenza.

Ci sono tanti camerafonini con quelle che si potrebbero considerare “buone” fotocamere, ma quelli “ottimi” sono meno numerosi, e spesso si vede.

Ecco perché abbiamo anche suddiviso le cose in categorie che differenziano i punti di forza di alcuni dispositivi. Un telefono può essere migliore nello scattare ritratti, mentre l’altro ha una modalità Pro che è superiore al resto.

Abbiamo suddiviso il tutto in sei categorie distinte:

Miglior smartphone complessivo per la fotografia: Samsung Galaxy S21 Ultra
Migliore modalità di fotografia professionale: Vivo X60 Pro+
Migliore per la fotografia computazionale: Google Pixel 5
Il miglior smartphone per la fotografia: Google Pixel 4a
Miglior smartphone per i video: iPhone 12 Pro Max 

Miglior smartphone in generale per la fotografia: Samsung Galaxy S21 Ultra

Sensore principale: 108MP o 12MP (con pixel binning) equivalente a 26mm
Altre fotocamere posteriori: teleobiettivo zoom 3x da 10MP (70mm equivalente), teleobiettivo zoom 10x da 10MP (240mm equivalente), ultra grandangolo da 12MP (13mm equivalente)
Fotocamera frontale: 40MP
Risoluzione di registrazione video: Fino a 8K
Prezzo: A partire da 1.200 euro

  • Teleobiettivo da 10MP; Fotocamera frontale da 40MP; Fotocamera grandangolare da 108MP; tutta la potenza necessaria per le migliori foto mai scattate prima con uno Smartphone
  • Smartphone con Display 120 Hz Dynamic AMOLED 2X da 6,8 pollici: mantiene l’immagine brillante e fluida
  • Il telefono cellulare Galaxy S21 Ultra è dotato di batteria da 5.000 mAh, per una carica che ti accompagna tutto il giorno
  • Il processore Exynos 2100 5nm garantisce massime prestazioni e consente a questo smartphone 5G di gestire facilmente tutte le tue notifiche social, regalandoti al tempo stesso eccezionali filmati in 8K
  • Dotato di vetro Gorilla Victus più resistente e di una cornice in metallo AL7s10 per la protezione del telefono e per la tua tranquillità
  • Smartphone con sistema operativo Android V10 già installato

Un anno fa, Samsung avrebbe lottato solo per fare questa lista con lo sforzo disarticolato che era il Galaxy S20 Ultra. Non è il caso del suo successore, che ha corretto alcuni passi falsi e ha messo insieme una delle fotocamere più complete disponibili. Non è perfetta, intendiamoci, e ha bisogno di lavoro in alcune aree, ma è facile apprezzare la varietà e la resa che si ottiene.

Il suo ciclo di produzione non è stato abbastanza veloce da allinearsi con il nuovo sensore d’immagine ISOCELL GN2 di Samsung, quindi la S21 Ultra si basa sul precedente GN1. Quello che potrebbe sembrare un compromesso hardware è completato, in una certa misura, dall’uso più intelligente di lenti più recenti e da un software più intelligente. Non ci riferiamo certo a sciocchezze come lo Space Zoom 100x, ma più che altro all’uscita a colori contenuta e all’HDR migliorato che dà alle foto una composizione molto migliore.

Leggi la recensione del Samsung S21 Ultra qui.

I due obiettivi zoom si completano bene, specialmente lo zoom 10x che emula un teleobiettivo da 240 mm. Possono essere le migliori immagini che un obiettivo zoom prende attualmente su un telefono, e mentre l’ibrido 30x ha i suoi alti e bassi, può rivelare un colpo stellare al momento giusto. Samsung sarebbe più adatta a rendere la sua modalità Pro più accessibile alla miriade di lenti posteriori, ma ahimè, è solo per l’obiettivo principale, e solo a 12MP. Ottimo per la luce bassa, non tanto per scattare una foto che si vuole rendere più grande, a meno che non si provino funzioni come la Super Resolution di Adobe.

Tutto ciò detto, se non fosse stato per il divieto di Huawei negli Stati Uniti, il Mate 40 Pro di quel marchio sarebbe stato probabilmente in questa posizione. Una delle fotocamere più versatili e superbe di qualsiasi smartphone fino ad oggi, le sue limitazioni al dettaglio e al software, per quanto riguarda l’intera gamma di Android, ci impediscono di metterlo qui. Ma se sei così incline, la sua uscita non ti deluderà. Lo Xiaomi Mi 11 Ultra potrebbe anche puntare alla corona superiore.Tuttavia, con la possibilità che il Galaxy S21 Ultra sia l’unico vero fiore all’occhiello di Samsung quest’anno, continuerà a distinguersi per tutto il 2021.


Migliore modalità Pro per la fotografia su smartphone: Vivo X60 Pro+

Sensore principale: 50MP o 100MP o 12MP (con pixel binning) 23mm equivalente
Altre fotocamere posteriori: 32MP teleobiettivo zoom 2x (50mm equivalente), 8MP teleobiettivo zoom 5x (125mm equivalente), 48MP ultra wide-angle (14mm equivalente)
Fotocamera frontale: 32MP
Risoluzione di registrazione video: Fino a 4K
Prezzo: A partire da 1,200 euro

Ciò che rende il X60 Pro+ così convincente è che la sua modalità Pro cerca di qualificare l’utente. Le spiegazioni sullo schermo indicano cosa fa una caratteristica o un’impostazione e aprono la porta a un’esperienza di apprendimento – qualcosa che manca per convincere più tiratori mobili a provare una modalità come questa.

L’altro vantaggio è che le quattro lenti posteriori sono disponibili per l’uso in questa modalità, qualcosa che continua ad essere omesso nei telefoni rivali. Mentre Vivo avrebbe fatto meglio a spostare le icone dell’obiettivo nell’interfaccia più lontano dalle impostazioni di composizione, una volta che si evitano i falsi positivi, si può davvero iniziare a beneficiare delle riprese in RAW a più lunghezze focali. Anche la sua modalità Macro integrata si attiva quando si va da vicino.

Dal momento che la modalità Notte di Vivo ha la tendenza a sovraelaborare gli scatti, Pro finisce per essere un’alternativa ideale. La modalità Slow shutter può gestire catture uniche a lunga esposizione, ma Pro può spesso riempire gli scatti in condizioni di scarsa luminosità, soprattutto quando si utilizza un treppiede o una superficie piatta per sostenere il telefono per un otturatore più lento. Questo potrebbe essere un altro che Huawei potrebbe vincere, o almeno contendersi, ma dal momento che Vivo non ha nulla in contrario, è una solida alternativa.


Miglior smartphone ottimizzato con migliore app fotocamera : Google Pixel 5

Sensore principale: 12.2MP (27mm equivalente)
Altre fotocamere posteriori: 12MP ultra wide-angle (16.5mm equivalente)
Fotocamera frontale: 8MP
Risoluzione di registrazione video: Fino a 4K
Prezzo: A partire da 700 euro

  • 6.0" Inch, OLED Capacitive Touchscreen, 16M Colors, 1080 X 2340 Pixels, Corning Gorilla Glass 6
  • 2G : GSM 850 / 900 / 1800 / 1900 and/or 3G : UMTS/HSPA+/HSDPA 800(B6) / 800(B19) / 850(B5) / 900(B8) / 1700|2100(B4) / 1900(B2) / 2100(B1) and/or 4G : LTE 600(B71) / 700(B12) / 700c(B13) / 700(B14) / 700(B17) / 700(B28) / 700(B29) / 800(B20) / 850(B5) / 850(B18) / 850(B19) / 850(B26) / 1700|2100(B4) / 1700/2100(B66) / 900(B8) / 1500(B32) / 1800(B3) / 1900(B2) / 1900(B25) / 2100(B1) / /2300(B30) / 2600(B7) : TD-LTE : 1900(B39) / 2300(B40) / 2500(B41) / 2600(B38) / 3500(42) / 3500(48) / 5200(46)
  • 128GB Storage, 8GB RAM
  • Android 11, Qualcomm SDM765 Snapdragon 765G (7 Nm), Octa-Core (1x2.4 GHz Kryo 475 Prime & 1x2.2 GHz Kryo 475 Gold & 6x1.8 GHz Kryo 475 Silver)
  • 12.2 MP, F/1.7, 27mm (Wide), 1/2.55", 1.4µm, Dual Pixel PDAF, OIS 16 MP, F/2.2, 107˚ (Ultrawide), 1.0µm, Front: 8 MP, F/2.0, 24mm (Wide), 1/4.0", 1.12µm, Video rec: 4K@30/60fps, 1080p@30/60/120/240fps; Gyro-EIS

Se non fosse per il suo software, il Pixel 5 di Google sembrerebbe scarno su un foglio di specifiche. Ma come dice sempre il vecchio adagio, “mai giudicare un libro dalla sua copertina”. È il tipo di design sobrio che ha servito bene Google a stupire le persone con le sue fotocamere può fare. O, più specificamente, ciò che il suo software può fare.

A dire il vero, il sensore principale è vecchio, considerando che è essenzialmente lo stesso che Google ha usato nel Pixel 3. È il momento di un aggiornamento, ma nel Pixel 5, si ottiene una fotocamera del telefono con il miglior software di calcolo. L’interpolazione HDR è eccezionale in una varietà di condizioni, e dobbiamo ancora vedere un altro telefono eguagliare i cursori di ombra e luminosità nell’interfaccia.

È una grande ragione per cui Night Sight continua a competere così bene come fa per gli scatti con poca luce, nonostante un sensore invecchiato. L’aggiunta della funzione ai ritratti, mentre rende anche quasi ogni caratteristica o impostazione – compresa la cattura RAW – disponibile per entrambi gli obiettivi rende questo telefono più facile ottenere un buon tiro.


Miglior Smarphone per la fotografia di base: Google Pixel 4a

Sensore principale: 12.2MP (27mm equivalente)
Altre fotocamere posteriori: Nessuna
Fotocamera frontale: 8MP
Risoluzione di registrazione video: Fino a 4K
Prezzo: A partire da 500 euro

  • 6.24-inch Full-screen display, FHD+ (1080 x 2340) OLED at 413 ppi, HDR support
  • 128 GB storage, 6 GB LPDDR4x RAM
  • Qualcomm Snapdragon 765G 2.4 GHz + 2.2 GHz + 1.8 GHz, 64-bit Octa-Core Adreno 620, Titan M security module, 3800 mAh Battery
  • Rear camera : 12.2 MP dual-pixel 1.4 μm pixel width Auto-focus with dual pixel phase detection | Video 1080p @ 30 fps, 60 fps, 120 fps, 240 fps | Front camera : 8 MP 1.12 μm pixel width ƒ/2.0 aperture

Sarebbe difficile trovare un telefono che spara così bene come fa il Pixel 4a per il prezzo. Che tu vada con la variante 5G o no, il dispositivo prende in prestito così tanto dal suo fratello di punta che può catturare le stesse foto nella maggior parte delle stesse condizioni. Non ci sono altre lenti nella parte posteriore, ma il sensore d’immagine e il software di calcolo si applicano ancora al tiratore principale.

Questo significa che la modalità Night Sight e Portrait saranno ancora molto belle, e con la cattura RAW sempre disponibile, c’è spazio per fare di più in post. Per coloro che hanno un budget, sarà una delle migliori fotocamere telefoniche che meno soldi possono comprare.

Miglior telefono con fotocamera per selfie: Huawei Mate 40 Pro

Il Huawei Mate 40 Pro ha una fotocamera potente che eccelle in tutti i tipi di condizioni di ripresa. Se dovessimo scegliere una caratteristica che lo pone al di sopra della concorrenza, sarebbe la stellare fotocamera frontale, con un’impressionante fotocamera da 13 megapixel con apertura f/2.4 e lunghezza focale equivalente a 18 mm. Il potente sensore è accoppiato a un obiettivo a fuoco fisso con una splendida modalità bokeh.

  • Display: 6.58 ", 1200 x 2640 pixel
  • Processore: Kirin 990 2.86GHz
  • Fotocamera: quadrupla, 50MP + 40MP + 12MP + TOF 3D
  • Batteria: 4200 mAh
  • Sistema operativo: Android 10
  • Tecnologia cellulari: Cellular

I selfie scattati con il Huawei Mate 40 Pro sono di prima qualità, ma la fotocamera posteriore è ancora più impressionante. La sua configurazione a tre fotocamere include una fotocamera primaria da 50 megapixel, un obiettivo ultra-wide da 20 megapixel e uno zoom da 12 megapixel.

MIGLIOR TELEFONO PER fOTO nOTTURNE

Se tendi a scattare più foto dopo il tramonto, hai bisogno di una fotocamera che possa eccellere in quelle condizioni difficili. Il Google Pixel 5 è dotato di una configurazione a doppia fotocamera con una lente larga e una ultra-larga. L’obiettivo ampio è il migliore per la fotografia con poca luce, con un’apertura f/1.7 per massimizzare la quantità di luce che colpisce il sensore. Il flash si comporta bene anche quando si scattano ritratti di notte. Ma poiché il Pixel 5 non include uno zoom ottico, si consiglia di avvicinarsi quando si fotografano soggetti lontani.

  • 6.0" Inch, OLED Capacitive Touchscreen, 16M Colors, 1080 X 2340 Pixels, Corning Gorilla Glass 6
  • 2G : GSM 850 / 900 / 1800 / 1900 and/or 3G : UMTS/HSPA+/HSDPA 800(B6) / 800(B19) / 850(B5) / 900(B8) / 1700|2100(B4) / 1900(B2) / 2100(B1) and/or 4G : LTE 600(B71) / 700(B12) / 700c(B13) / 700(B14) / 700(B17) / 700(B28) / 700(B29) / 800(B20) / 850(B5) / 850(B18) / 850(B19) / 850(B26) / 1700|2100(B4) / 1700/2100(B66) / 900(B8) / 1500(B32) / 1800(B3) / 1900(B2) / 1900(B25) / 2100(B1) / /2300(B30) / 2600(B7) : TD-LTE : 1900(B39) / 2300(B40) / 2500(B41) / 2600(B38) / 3500(42) / 3500(48) / 5200(46)
  • 128GB Storage, 8GB RAM
  • Android 11, Qualcomm SDM765 Snapdragon 765G (7 Nm), Octa-Core (1x2.4 GHz Kryo 475 Prime & 1x2.2 GHz Kryo 475 Gold & 6x1.8 GHz Kryo 475 Silver)
  • 12.2 MP, F/1.7, 27mm (Wide), 1/2.55", 1.4µm, Dual Pixel PDAF, OIS 16 MP, F/2.2, 107˚ (Ultrawide), 1.0µm, Front: 8 MP, F/2.0, 24mm (Wide), 1/4.0", 1.12µm, Video rec: 4K@30/60fps, 1080p@30/60/120/240fps; Gyro-EIS

Miglior telefono con fotocamera economica: Motorola Moto G8 Power

Se il tuo obiettivo è quello di scattare grandi foto senza spendere troppo, non puoi sbagliare con il Motorola Moto G8 Power. Motorolla è ben noto per i suoi telefoni economici di alta qualità, e il Moto G8 Power include una fotocamera robusta e versatile, una batteria di lunga durata e 64GB di storage per meno di 200 euro.

  • - Type: Smartphone
  • - 2G Network: GSM 850 / 900 / 1800 / 1900
  • - 3G Network: HSDPA 850 / 900 / 1700(AWS) / 1900 / 2100
  • - 4G Network: 1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 12, 17, 28, 66
  • - Sim-type: Hybrid Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

Per quanto riguarda la fotocamera, potrai godere di una fotocamera primaria posteriore da 16 megapixel, così come di uno zoom da 8 megapixel e ultra-wide. Anche la fotocamera frontale è un impressionante 16 megapixel. I fotografi attenti al budget saranno impressionati dalla qualità fotografica del Moto G8, l’unico aspetto negativo è la qualità un po’ scadente delle foto scattate in condizioni di scarsa luminosità.

MIGLIOR SMARTPHONE PER fOTO gRANDANGOLARI : sAMSUNG gALAXY nOTE 10+

Il Samsung Galaxy Note 10+ è un solido performer per la fotografia indoor e outdoor, ma eccelle davvero nella cattura di vaste scene con il suo obiettivo ultra-grandangolare. Questo obiettivo vanta un sensore da 16 megapixel con un’apertura fissa f/2.2, perfetta per una varietà di condizioni di ripresa, compresa la scarsa luce. L’esposizione, il colore e i dettagli sono eccellenti in tutto il fotogramma e la distorsione è minima. Nel complesso, questa è una grande fotocamera. Ma eccelle veramente quando si riprendono paesaggi, architettura e altre scene ampie.

  • Grazie all'aggiornamento software*, a partire da Aprile 2020, l'esperienza fotografica con Galaxy Note10+ cambia; sono disponibili ulteriori caratteristiche per la fotocamera
  • La SPen con la funzione Air Action ti permette di controllare il tuo Galaxy Note 10 con semplici gesti, senza toccare il display
  • La batteria intelligente di Galaxy Note 10+ da 4300 mAh è in grado di ottimizzare tutti i processi e resistere più della tua giornata; con la ricarica Ultra-Rapida sei subito pronto a ripartire
  • Con Galaxy Note 10+ avrai tanto spazio di archiviazione grazie ad una memoria interna da 256 GB, espandibile con microSD fino a 1 TB
  • Con Galaxy Note 10+ hai un comparto fotografico che ti permette di catturare ogni istante o registrare ottimi video, e ottimi strumenti di editing per personalizzare ogni momento che conta
  • Per poter utilizzare uno smartphone [Versione Italiana] in un paese extra-europeo è necessario prima effettuare almeno 5 minuti di chiamate con una SIM Europea


MIGLIOR SMARTPHONE per I vIDEOGRAFI : sONY xPERIA 1

Il nuovo Sony Xperia 1 II non è orientato verso l’utente quotidiano di smartphone. Invece, spera di attrarre i fotografi e i videografi di livello professionale che vogliono una fotocamera potente e high-tech che stia nelle loro tasche. I suoi tre obiettivi posteriori (wide, ultra-wide e telephoto) includono tutti un sensore da 12 megapixel.

Per le riprese video, il Sony Xperia include un pulsante di scatto fisico, un’applicazione video potente e incredibilmente dettagliata chiamata Cinema Pro, e la possibilità di girare video 4K ad alta risoluzione.

  • Lasciati conquistare dal primo smartphone al mondo con display OLED 4K HDR 21:9 CinemaWide
  • Guarda film e programmi televisivi con una precisione del colore di livello professionale con la tecnologia CineAlta
  • Fotocamera con tre obiettivi per catturare splendide immagini grazie alle tecnologie delle fotocamere Alpha di Sony
  • Uno schermo creato per il multitasking che ti permette di aprire due app contemporaneamente
  • il nostro processore più potente di sempre – Qualcomm Snapdragon 855 Mobile Platform.

Miglior smartphone per i video: iPhone 12 Pro Max

Sensore principale: 12MP (26mm equivalente)
Altre fotocamere posteriori: teleobiettivo da 12MP con zoom 2.5x (65mm equivalente), ultra grandangolare da 12MP (13mm equivalente)
Fotocamera frontale: 12MP
Risoluzione di registrazione video: Fino a 4K
Prezzo: A partire da 1000 euro

  • Display Super Retina XDR da 6,7"
  • Ceramic Shield, più duro di qualsiasi vetro per smartphone
  • 5G per download velocissimi e streaming ad alta qualità
  • A14 Bionic, il chip più veloce mai visto su uno smartphone
  • Sistema di fotocamere Pro da 12MP (ultra‐grandangolo, grandangolo, teleobiettivo) con estensione dello zoom ottico pari a 5x, modalità Notte, Deep Fusion, Smart HDR 3, Apple ProRAW e registrazione video HDR a 4K in Dolby Vision
  • Scanner LiDAR per esperienze AR ottimizzate e ritratti in modalità Notte
  • Fotocamera anteriore TrueDepth da 12MP con modalità Notte e registrazione video HDR a 4K in Dolby Vision
  • Resistenza all’acqua di grado IP68, la migliore del settore6
  • Compatibilità con gli accessori MagSafe: si agganciano al volo per una ricarica wireless più veloce
  • iOS, con nuovi widget sulla schermata Home, nuova Libreria app, app clip e tanto altro

L’iPhone è ancora tra i re quando si tratta di registrazione video, e ha molto a che fare con quanto bene cattura il colore, il tono e la struttura.

Il Pro Max ha un sensore più grande del 47% nella sua fotocamera ultra-wide. Di per sé, questo potrebbe non sembrare un grosso problema, ma sul campo, un obiettivo ultra-wide affidabile è ottimo per girare filmati. Per non parlare di quello che può fare per le foto. Il telefono non può competere con altri quando si tratta di opzioni teleobiettivo, ma il sensore principale è anche più grande, e questo paga per le riprese in condizioni di scarsa illuminazione.

Se stessimo parlando di un livello veramente “pro” qui, il Sony Xperia Pro o Xperia 1 Mark II (o il prossimo Mark III) potrebbe prendere questo posto, ma questi non sono necessariamente fatti per ogni tipo di utente. L’iPhone 12 Pro è quasi altrettanto capace del Pro Max, il che lo rende una valida opzione.

Gli smartphone sono diventati strumenti indispensabili nella nostra vita, dandoci un mondo di app, tenendoci connessi e aiutandoci a organizzare la nostra vita. Tuttavia, molte persone comprano i telefoni perché vogliono una bella fotocamera. Dopo tutto, la migliore fotocamera è quella che fa vedere il tuo mondo sui social.

I telefoni con tripla e quadrupla fotocamera sono diventati lo standard oggi, anche sugli smartphone da 200 a 300 euro. Ma cosa fanno tutte queste fotocamere? Beh, ci sono generalmente sei tipi di fotocamera disponibili oggi, vale a dire la fotocamera standard/principale, la fotocamera ultra-wide, la fotocamera con zoom teleobiettivo o periscopio, la fotocamera macro, la fotocamera monocromatica e il sensore di profondità o il sensore ToF 3D.


Fotocamera standard/principale

Questa era l’unica fotocamera disponibile sugli smartphone, che catturava immagini senza zoom. Questa fotocamera di solito viene utilizzata più spesso. Non avrai mai un telefono senza questa fotocamera a bordo.


Fotocamera ultra wide

LG è stata la prima ad implementare questo tipo di fotocamera posteriore nel 2016. Scatta una foto con un campo visivo/prospettiva più ampio rispetto alla fotocamera principale, rendendola ideale per scatti di gruppo, foto di edifici/architettura o foto di un paesaggio. L’introduzione di una fotocamera ultra-wide significa anche che non c’è bisogno di utilizzare la modalità panorama del telefono così spesso, che può essere un processo noioso.

In genere si trovano fotocamere ultra larghe su dispositivi economici da 150 a 200 euro, ma non aspettatevi di vederle su telefoni da ~100 euro. Eppure, tra le serie Galaxy A e Galaxy M di Samsung, i dispositivi Redmi Note di Xiaomi e la serie G di Motorola, non dovresti avere troppi problemi a trovare dispositivi con questa fotocamera.


Teleobiettivo o fotocamera periscopica

Queste fotocamere offrono scatti zoomati, con le fotocamere teleobiettivo che generalmente offrono uno zoom ottico da 2x a 3x. Le fotocamere a periscopio sono invenzioni più recenti e utilizzano un prisma per ingrandire ancora di più (tra 4x e 10x di zoom ottico). In entrambi i casi, queste lenti sono utili se si vuole scattare una foto di qualcosa di lontano.

Abbiamo visto alcune aziende sfruttare il software per ottenere risultati migliori con lo zoom senza usare un teleobiettivo o una fotocamera a periscopio. Alcune marche combinano il software e una fotocamera con teleobiettivo/periscopio per zoomare ancora di più, in un concetto noto come zoom ibrido. Per esempio, il Huawei P30 ha una fotocamera con teleobiettivo 3x, ma è in grado di fornire scatti con zoom ibrido 5x. Lo zoom ibrido non è buono come avere una fotocamera con quel particolare fattore di zoom, ma è meglio dello zoom solo software.

Abbiamo anche visto alcuni produttori cercare di confondere la linea tra zoom ottico/nativo, zoom ibrido e zoom digitale negli ultimi anni. Per esempio, il Galaxy S21 di Samsung ha una fotocamera da 64MP “teleobiettivo” che sostiene di avere uno zoom 3X “ottico ibrido”. È semplicemente una forma di zoom ibrido, ma Samsung ha presumibilmente inventato il termine “ottico ibrido” per farlo suonare meglio nei materiali di marketing.

Fotocamera macro

Questo sensore è un’aggiunta relativamente nuova al mondo degli smartphone. Ti permette di scattare foto macro (cioè foto molto ravvicinate) di soggetti minuscoli, come insetti, fiori e monete. Uno svantaggio di queste fotocamere è che spesso hanno una bassa risoluzione (2MP) e mancano di autofocus, anche se aziende come Xiaomi e Samsung stanno offrendo anche fotocamere macro da 5MP.

Alcuni telefoni (come l’Oppo Find X3 Pro) usano la fotocamera ultra-wide per fare scatti macro, rinunciando a una fotocamera macro dedicata. Con questo approccio si ottiene anche il vantaggio di un’immagine macro a più alta risoluzione.


Fotocamera monocromatica

Non vediamo davvero questo tipo di fotocamera su molti telefoni, con Huawei che è stata la prima ad offrire un telefono con un sensore monocromatico secondario e la serie Narzo 30 di Realme è l’ultima. In ogni caso, questa fotocamera viene utilizzata per scattare vere foto in bianco e nero, al contrario di una foto a colori trasformata in bianco e nero tramite un filtro.

Le fotocamere monocromatiche possono anche essere utilizzate per migliorare le prestazioni in condizioni di scarsa luminosità, in quanto la mancanza di un filtro a colori migliora le capacità di raccolta della luce. Infine, queste fotocamere possono anche essere utilizzate per migliorare gli effetti di profondità (ad esempio la modalità ritratto), come vediamo sul Narzo 30A.

Sensore di profondità e sensore ToF 3D

In realtà non è possibile scattare foto dedicate con questi tipi di fotocamera, in quanto sono generalmente utilizzati per catturare informazioni aggiuntive di “profondità” quando si scattano foto tramite la fotocamera principale.

I sensori di profondità sono spesso utilizzati per le foto in modalità ritratto, con il sensore che cattura le informazioni per garantire che il soggetto sia a fuoco e lo sfondo sia piacevolmente fuori fuoco. I sensori ToF 3D sono essenzialmente una nuova versione del sensore di profondità, che cattura informazioni di profondità più accurate.

Troverete generalmente sensori di profondità su telefoni più economici, mentre i telefoni di fascia alta offrono invece sensori 3D ToF. Detto questo, alcuni telefoni mancano di entrambi, utilizzando o una fotocamera con teleobiettivo o un software per catturare le informazioni di profondità. Infatti, molti telefoni usano una modalità ritratto guidata dal software per le fotocamere selfie, come si vede nell’esempio qui sopra.

Cosa cercare quando si acquista un telefono per la fotografia mobile

Nei primi anni 2000, quando ho avuto il mio primo telefono con fotocamera, è stato facile scegliere quello che volevo perché non c’erano molte opzioni disponibili tra cui scegliere.

Inoltre, i telefoni erano piuttosto semplici allora, quindi non c’era molto da considerare prima di comprare un telefono oltre alla marca, il design e altre semplici caratteristiche come una radio e qualche gioco.

Oggi, ci sono migliaia di telefoni sul mercato che hanno varie funzioni e caratteristiche che possono rendere difficile scegliere quello giusto per te. E se stai cercando uno smartphone specificamente per la fotografia mobile, può essere ancora più impegnativo sceglierne uno soprattutto se non sai cosa cercare.

Molte delle cose menzionate in questo articolo che devi considerare sono molto importanti se sei seriamente intenzionato a catturare immagini di qualità con il tuo telefono perché sono ciò che differenzia una buona fotocamera mobile da una cattiva.

Sensore Fotocamera

Se stai per comprare un nuovo smartphone che vuoi usare per la fotografia mobile, il sensore è probabilmente la prima cosa che dovresti guardare. Questo perché è praticamente la spina dorsale di una fotocamera mobile. Tutto si basa su di esso.

La dimensione del sensore è ciò a cui devi prestare attenzione. Più grande è il sensore, migliori sono le possibilità di ottenere immagini di qualità dalla fotocamera del telefono. Questo perché un sensore grande può ospitare pixel più grandi, il che significa che il sensore sarà in grado di catturare più luce.

La dimensione della fotocamera di uno smartphone è comunemente misurata ed espressa in pollici (“) o frazioni di pollice, per esempio, 1/2.55″. Più la frazione è vicina a un pollice intero, più grande è il sensore. Un sensore da 1/1.7″ è molto più grande di un sensore da 1/3.0”.

Telefoni diversi hanno sensori di dimensioni diverse. Anche le fotocamere di un telefono con più fotocamere di solito hanno sensori di dimensioni diverse. Attualmente, il più grande sensore di fotocamera mobile è grande 1/1.33″.

Quando guardi tra le specifiche di uno smartphone che desideri ottenere per la fotografia mobile, tieni d’occhio i sensori più vicini possibile a 1″. Questi si trovano di solito in dispositivi di fascia alta della scala dei prezzi, ma ne vale sicuramente la pena se te li puoi permettere.

Sulla superficie del sensore di una fotocamera, ci sono milioni di piccoli blocchi sensibili alla luce chiamati fotositi che vengono comunemente chiamati pixel. Questi pixel sono responsabili della cattura della luce che entra nella fotocamera e viene convertita in un’immagine.

Se ingrandisci molto da vicino qualsiasi foto o immagine digitale, noterai che sono tutte composte da minuscoli blocchi di colore conosciuti anche come pixel. Questi corrispondono ai pixel del sensore e ottengono i loro dati d’immagine dalle informazioni di luce catturate dai fotositi del sensore.

La dimensione di questi pixel è molto importante. Poiché sono responsabili della cattura della luce, pixel grandi significano una migliore qualità dell’immagine grazie al grande volume di raccolta della luce.

Come già detto, la dimensione del sensore determina praticamente quanti pixel avrà la fotocamera e quanto grandi dovranno essere i pixel per adattarsi al sensore. Più megapixel ha una fotocamera per smartphone, più piccoli saranno i pixel.

Il problema con i pixel piccoli è che è probabile che producano rumore digitale, specialmente se le condizioni in cui stai scattando non sono ideali, come in condizioni di scarsa luminosità.

I pixel si misurano in micrometri (µm). Nelle fotocamere mobili attuali, la dimensione dei pixel può variare da circa 0,8 µm a 2,0 µm o più. Ovviamente, più grande è, meglio è.

Ma questo non significa che un sensore di telefono con pixel da 0,8 µm non possa scattare buone foto. L’Honor 20 Pro ha queste specifiche e scatta davvero buone foto.

Apertura fotocamera

L’apertura è l’apertura attraverso la quale la luce entra nella fotocamera. Più grande è l’apertura, più luce raggiungerà il sensore. Questo è importante perché più luce significa foto migliori, specialmente in condizioni di scarsa luminosità.

L’apertura è espressa in numeri f (es. f/2.0). Più basso è il numero f, più ampia è l’apertura. Per esempio, f/1.8 è più ampio di f/2.6, il che significa che può passare più luce.

Attualmente, l’apertura delle fotocamere degli smartphone va generalmente da circa f/1.5 a f/2.8 sulla fotocamera principale. Altre fotocamere sul telefono, comprese quelle specializzate come le fotocamere di profondità, possono avere aperture superiori a f/3.0.

Personalmente, mi preoccupo soprattutto della fotocamera principale. Considero le specifiche delle altre fotocamere, ma la maggior parte della mia fotografia mobile è fatta con la fotocamera principale, quindi mi concentro su quella.

Se sai che dovrai scattare foto di notte o al chiuso in condizioni di scarsa luminosità, allora è meglio che consideri di prendere un telefono con un’apertura più ampia possibile. Più bassa è sotto f/2.0, meglio è.

Numero di Pixel

Questa è forse la cosa che molte persone guardano quando si tratta di fotocamere per cellulari. Dopo tutto, le aziende di smartphone concentrano molta della loro attenzione e del loro marketing sui megapixel. Per esempio, il Samsung Galaxy S20 Ultra con la sua fotocamera da 108MP è tra gli smartphone con la fotocamera più alta di megapixel.

Ma non fatevi ingannare da tutto questo clamore. Sì, il numero di megapixel di una fotocamera è importante, ma non è necessariamente un caso di “più sono, meglio è”. E certamente non ne hai bisogno di 108. Ecco perché i telefoni con un alto numero di megapixel usano il pixel binning di default.

Il numero di megapixel di una fotocamera corrisponde alla risoluzione di un’immagine o a quanto è grande la foto. Un grande numero di megapixel significa che i pixel saranno piccoli ma l’immagine sarà grande con dettagli molto fini.

Ma come già detto, i pixel più grandi hanno il vantaggio di raccogliere più luce per produrre foto di buona qualità anche se l’illuminazione è scarsa. Ecco perché anche le fotocamere più grandi con grandi sensori usate dai fotografi professionisti hanno un numero moderato di grandi pixel invece di centinaia di piccoli.

A meno che tu non abbia intenzione di stampare grandi stampe delle tue foto da cellulare, tutto ciò di cui hai bisogno è un telefono con un numero moderato di megapixel di dimensioni decenti. Personalmente, penso che qualsiasi cosa sopra i 20MP sia solo un’inutile montatura di marketing.

Display della fotocamera dello smartphone.

Non molte persone considerano questo punto quando si tratta di fotografia mobile ma, dalla mia esperienza, penso che la qualità del display di un telefono sia piuttosto importante.

È necessario ricordare che le fotocamere degli smartphone scattano solo in modalità live-view. Questo significa che invece di guardare attraverso un mirino ottico come si farebbe in alcune fotocamere tradizionali, l’immagine viene visualizzata sullo schermo direttamente dal sensore.

Se il tuo telefono non ha un buon display, sarà difficile per te ottenere una rappresentazione accurata di ciò che vede la tua fotocamera. Per esempio, se il tuo display non è calibrato e i colori non sono bilanciati, potrebbe mandarti fuori strada quando fai il bilanciamento del bianco manualmente.

Nella mia esperienza, ho avuto un telefono che aveva una luminosità dello schermo molto scarsa. Questo era particolarmente peggiore alla luce diretta del sole. Ogni volta che scattavo una foto, facevo fatica a vedere chiaramente cosa stavo facendo. Vedevo bene le foto solo quando ero al chiuso o in una zona d’ombra.

La maggior parte delle volte, sarei infelice per qualcosa nello scatto che non riuscivo a vedere quando stavo scattando la foto. Quindi, potete immaginare quanto sia frustrante.

Anche se potrebbe non essere la cosa più importante nella tua mente, vale la pena considerare la qualità del display del telefono che vuoi ottenere. I migliori display sono quelli che sono abbastanza chiari e luminosi da poter essere utilizzati in varie condizioni.

OIS

La stabilizzazione ottica dell’immagine aiuta a mantenere le foto nitide e non sfocate.

La stabilizzazione dell’immagine è un dono per la fotografia mobile, in particolare la stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS). Questa è fondamentalmente una tecnica che utilizza giroscopi meccanici e gimbal per muovere la fotocamera al fine di contrastare e negare qualsiasi movimento del telefono che potrebbe causare foto sfocate.

La verità è che i telefoni cellulari non sono progettati con la fotografia come funzione primaria. Pertanto, non sono facili da tenere perché mancano dell’ergonomia di una macchina fotografica dedicata alla fotografia.

Tenere il telefono delicatamente con la punta delle dita può causare un leggero tremolio della fotocamera, soprattutto se le braccia sono stanche o se non si hanno naturalmente mani ferme. Se il telefono trema mentre si scatta una foto, l’immagine potrebbe risultare sfocata.

La stabilizzazione ottica dell’immagine aiuta in questo senso, spostando l’ottica della fotocamera per stabilizzare il percorso della luce attraverso l’obiettivo fino al sensore della fotocamera. Questo si traduce in immagini nitide che non hanno sfocature.

Anche se la stabilizzazione dell’immagine aiuta a mantenere le immagini nitide, non può fare molto. Il modo migliore per garantire scatti stabili è quello di utilizzare un sistema di supporto della fotocamera come un treppiede per la stabilità e altre buone ragioni.

Immagine RAW vs jpeg

In genere, quando le fotocamere degli smartphone scattano una foto, l’immagine passa attraverso una pipeline di elaborazione nell’ISP prima di essere salvata sul telefono come file jpeg. Questa pipeline include cose come la riduzione del rumore, il bilanciamento del bianco, il contrasto, ecc. Questo significa che non devi fare alcuna elaborazione dopo che l’immagine viene salvata.

Tuttavia, se ti piace avere il maggior controllo possibile sull’aspetto finale dell’immagine, avere la fotocamera che elabora l’immagine non è l’ideale. Inoltre, il jpeg è un formato con perdite, il che significa che le immagini finiscono con meno dettagli.

Onestamente, per l’utente quotidiano, questo va benissimo. Ma se vuoi ottenere di più dalla tua fotocamera e dalle tue foto, devi scattare in RAW. Ha una qualità d’immagine superiore al jpeg e permette un sacco di controllo e flessibilità durante l’editing.

Sfortunatamente, non tutte le fotocamere possono scattare in RAW. Quindi, se questo è importante per te, controlla se la fotocamera che vuoi prendere può scattare in RAW.

Gli smartphone sono dispositivi di imaging unici a livello consumer perché fanno parte dei pochi che hanno più fotocamere. Alcuni hanno due fotocamere, mentre altri ne hanno tre, quattro o addirittura cinque. Anche se potrebbe sembrare molto, ognuna delle fotocamere serve uno scopo particolare.

Molte volte, queste fotocamere hanno diversi sensori e obiettivi con diverse lunghezze focali. Sapere cosa vuoi da una fotocamera mobile ti aiuterà a scegliere un telefono con una serie di fotocamere che si adattano alle tue esigenze. Per esempio, alcune fotocamere per smartphone hanno sensori monocromatici.

Tuttavia, non tutte le fotocamere monocromatiche per smartphone possono scattare e salvare foto in bianco e nero. Se vuoi fare fotografia in bianco e nero con uno smartphone, devi trovare un telefono con un sensore monocromatico che possa salvare foto in bianco e nero.

Quando si tratta di lunghezza focale, ti dà un’idea del campo visivo della fotocamera. Quindi, se pensi di volere un telefono a doppia fotocamera con un obiettivo grandangolare e un teleobiettivo invece di un obiettivo ultrawide, allora puoi cercare un telefono che abbia proprio questo.

HDR

Le fotocamere degli smartphone notoriamente lottano con scene ad alto contrasto. Se parti dell’immagine sono scure e altre parti sono luminose, diventa molto difficile ottenere la giusta esposizione per entrambe le aree senza sovraesporre o sottoesporre l’altra.

L’HDR è un modo in cui le fotocamere mobili aggirano questo problema. Con l’HDR attivato, è possibile catturare immagini ad alto contrasto e ottenere ancora dettagli nelle luci e nelle ombre.

L’HDR può essere una benedizione. Ma poiché funziona in un modo unico, se non usato correttamente, potrebbe rovinare una foto potenzialmente buona. Quindi, prima di usare l’HDR, devi leggere questo!

Questo potrebbe non riguardare direttamente la fotografia mobile, ma una buona durata della batteria è comunque importante. Se sei fuori a scattare foto con il tuo telefono, non vuoi preoccuparti che un telefono completamente carico muoia in pochi minuti, specialmente quando stai scattando foto all’aperto.

Capacità batteria

Cerca la capacità della batteria del telefono che vuoi ottenere. La capacità della batteria di uno smartphone si misura in milliampere (mAh). Quanto durerà una batteria dipende dalla capacità e da quanta potenza ha bisogno il telefono per funzionare.

La regola generale è che più mAh ha la batteria, più a lungo dovrebbe durare. Questo significa che un telefono con una batteria da 5000mAh potrebbe durare più a lungo di uno con una batteria da 4000mAh se sottoposto alla stessa quantità di utilizzo.

Come ho detto prima, la durata della batteria di uno smartphone non è un fattore influente sulla qualità dell’immagine. Ma poiché le fotocamere mobili sono attaccate a telefoni che servono ad altri scopi, è bene sapere che hai un dispositivo che può gestire le tue richieste, specialmente se non c’è corrente nelle vicinanze.

Resistenza all’acqua e alla polvere

Se la tua vita o il tuo stile di vita ruota intorno all’acqua, allora questo punto è specialmente per te. L’ultima cosa che vuoi che ti impedisca di scattare foto sul tuo telefono mentre fai quello che fai nel tuo ambiente umido è la paura di bagnarlo.

Che si tratti di immersione totale sott’acqua o di esposizione all’umidità, i telefoni resistenti all’acqua sono fatti per resistere a queste condizioni. Così, puoi continuare a usare il tuo telefono nonostante le circostanze umide come la pioggia.

Sapevi che, se il tuo telefono è resistente all’acqua, puoi tecnicamente scattare foto con la fotocamera dello smartphone sott’acqua? È vero! Tuttavia, ti consiglio di andare sul sicuro e usare comunque una protezione impermeabile.

E se vivi in una parte del mondo che è polverosa e soggetta a tempeste di polvere, un cellulare resistente alla polvere potrebbe essere una buona idea.

Naturalmente, se non sei abbastanza spesso vicino all’acqua e alla polvere, non hai bisogno di preoccuparti molto di questo.

Le foto che scatti con il tuo telefono devono essere salvate da qualche parte, giusto? Ed è per questo che la quantità di memoria di un telefono è importante da considerare, ma molte persone non lo fanno. Ammetto che io ero una di quelle persone ad un certo punto e questo mi ha causato un sacco di frustrazione.

Quando si acquistano certi smartphone, specialmente quelli di fascia alta, si arriva a scegliere quello che si vuole in base allo spazio di archiviazione. Se sei abbastanza fortunato da essere in questa posizione, allora potresti voler considerare l’acquisto di un telefono con una notevole quantità di spazio di archiviazione.

Questo, naturalmente, dipende dal tipo di immagini che catturerete con la vostra fotocamera mobile, e da altri file che potreste memorizzare su di essa.

Per esempio, se scatti molte foto in formato RAW, avrai bisogno di più spazio rispetto a chi non lo fa. E se fai anche video e film con il tuo telefono, anche quei file occuperanno molto spazio a seconda delle impostazioni video utilizzate.

Rimanere senza spazio non è divertente. Il tuo telefono diventa super lento. Si ricevono notifiche fastidiose tutto il tempo. La cosa peggiore è che non puoi più scattare foto!

Certo, si può sempre caricare sul cloud e cancellare le foto indesiderate dal telefono. Tuttavia, questo non è sempre possibile. Se sai che pretenderai molto da un telefono in termini di archiviazione, prendine uno che possa soddisfare queste richieste nel miglior modo possibile.

zoom digitale vs zoom ottico

Rispetto allo zoom ottico, lo zoom digitale degrada la qualità dell’immagine e introduce la pixelatura.

Se sai che ti troverai in una posizione in cui avrai bisogno di scattare foto da lontano (ad esempio la fotografia naturalistica, la fotografia di uccelli, la fotografia di strada, ecc) per molto tempo, allora una fotocamera con zoom ottico sarebbe perfetta per te.

Le fotocamere per smartphone dipendono notoriamente dallo zoom digitale per ingrandire gli oggetti nell’inquadratura. Il problema è che lo zoom digitale degrada sempre di più la qualità dell’immagine delle foto più si ingrandisce. Nella maggior parte dei casi, il rumore digitale comincia a diventare più evidente e l’immagine potrebbe cominciare ad apparire pixellata, come nella foto qui sopra.

Lo zoom ottico, invece, sposta fisicamente gli elementi dell’obiettivo della fotocamera per ingrandire l’immagine. Questo significa che puoi zoomare con la tua fotocamera mobile senza preoccuparti di perdere la qualità dell’immagine. Puoi leggere di più su di esso qui.

Tuttavia, c’è un limite a questo. Alcune fotocamere dei telefoni hanno solo uno zoom ottico 2x, che è onestamente molto poco. Dopo di che, entra in gioco lo zoom digitale. Alcuni telefoni hanno uno zoom ottico 3x, che è un miglioramento accettabile per uno smartphone.

Se vuoi una fotocamera per smartphone che può zoomare abbastanza lontano, cercane una con una fotocamera a periscopio. Grazie al loro design unico, queste fotocamere hanno lenti di zoom che non creano un grande urto sul retro del telefono.

Attualmente, le fotocamere a periscopio possono raggiungere uno zoom ottico di 5x. Tutto questo dipende dal design del telefono, perché la tecnologia della fotocamera periscopica ha il potenziale per ingrandire ancora di più.

Più si zooma su un soggetto, più il tremolio della fotocamera diventa evidente. Sia che si zoomi digitalmente (cosa che non si dovrebbe fare), otticamente, o addirittura si attacchi una lente zoom, è meglio usare un sistema di supporto per la fotocamera.


Di quante fotocamere hai bisogno?

I telefoni più economici (100 euro o giù di lì) di solito offrono una singola fotocamera principale o una configurazione a doppia fotocamera con una fotocamera principale e un sensore di profondità. Alcuni dei dispositivi più economici sostituiscono anche il sensore di profondità in favore di una fotocamera ultra-wide. Ma sempre più telefoni economici stanno aggiungendo configurazioni a tripla o addirittura quadrupla fotocamera, con una fotocamera principale, un sensore ultra-wide, un sensore di profondità e di solito una fotocamera macro come quarta scelta.

Le fotocamere con zoom sono generalmente limitate ai telefoni di fascia alta, poiché questi sensori e componenti sono di solito più costosi di una fotocamera ultra larga o di un sensore macro. I telefoni più costosi di solito hanno anche una fotocamera ultra-wide in aggiunta alle fotocamere principali e zoom, dando una varietà di prospettive e una flessibilità senza precedenti. Abbiamo anche visto aziende come Xiaomi, Samsung e Huawei offrire due fotocamere con diversi fattori di zoom sui loro telefoni più costosi.

Non sei ancora sicuro di quante fotocamere hai bisogno? Bene, allora chiediti che tipo di foto hai intenzione di scattare. Ami la vita all’aria aperta o viaggi in varie città? Allora forse dovresti prendere un telefono con una fotocamera ultra-wide per catturare quei meravigliosi panorami e grattacieli torreggianti. Vai in un safari o guardi spesso le partite sportive dei tuoi figli? Allora una fotocamera con zoom può aiutarti ad avvicinarti all’azione senza aver bisogno di essere fisicamente più vicino.

Vuoi una prospettiva ultra-wide ma ti piace anche l’idea di avere un buon zoom? Allora prendi un telefono con entrambi gli obiettivi ultra-wide e zoom, anche se i dispositivi con entrambe le opzioni sono abbastanza costosi. Alcuni degli esempi più importanti a questo proposito includono il OnePlus 9 Pro, l’iPhone 12 Pro e il Samsung Galaxy S20 FE.

Uno dei fattori più importanti quando si guarda uno smartphone per la sua fotocamera è il produttore. Questo perché la qualità delle immagini di ogni marca differisce in modo sottile l’una dall’altra, come la riproduzione dei colori, le prestazioni in condizioni di scarsa luminosità e la qualità generale.

Ecco cosa ci si può aspettare da alcuni dei maggiori produttori in termini di differenze di immagine e modalità extra. Notate che quanto segue potrebbe non valere per tutti i telefoni di una data marca. Vale anche la pena notare che il divario di qualità è piuttosto piccolo tra la maggior parte delle marche quando si tratta di foto scattate durante il giorno.


Google

Stai pensando di prendere un telefono Pixel? Allora scatterai foto con tonalità incisive che generalmente non vanno in eccesso come alcune altre marche.

La serie Pixel è anche rinomata per la sua gamma dinamica – quanto bene mantiene i dettagli nelle parti più chiare e più scure della stessa foto. Quindi aspettatevi che questo telefono se la cavi bene quando si scattano foto all’aperto, impedendo che il cielo venga spazzato via e assicurando che si possa ancora distinguere ciò che è all’ombra.

I telefoni Pixel sono anche tra i migliori per gli scatti con poca luce, offrendo una modalità Night Sight che rivela i dettagli al buio. Non è così grande come i telefoni di fascia alta di Huawei nella completa oscurità, ma è sicuramente competitivo altrimenti. Altre modalità Pixel degne di nota includono una modalità astrofotografia per scattare foto del cielo notturno (treppiede richiesto), ritratti in condizioni di scarsa luminosità e una modalità Photobooth per selfie a mani libere.

Huawei

Il marchio cinese è diventato probabilmente il migliore per la fotografia degli smartphone negli ultimi anni – almeno quando si tratta di dispositivi di fascia alta. Tuttavia, i telefoni di Huawei sono generalmente ottimi durante il giorno, offrendo un sacco di dettagli e una grande gamma dinamica.

I telefoni del marchio avevano la reputazione di rendere le immagini troppo nitide piuttosto che offrire una foto più naturale, ma questo è cambiato con i dispositivi recenti. Huawei offre anche alcuni profili di colore tra cui scegliere, nel caso in cui il tono predefinito non sia di vostro gradimento.

È stato anche il primo marchio ad offrire una modalità notturna efficace sui suoi telefoni, con i concorrenti che l’hanno seguita poco dopo. Troverete questa modalità sia sui dispositivi economici che su quelli di fascia alta di Huawei. L’azienda offre anche una modalità Light Painting su alcuni telefoni, che consente di scattare foto fantasiose con strisce di luce (che si tratti di luci di auto o scie di stelle).

Il P40 Pro di Huawei ha anche vinto il nostro shootout di fotocamere per smartphone del 2020, quindi dovresti considerare i telefoni del marchio se vuoi una grande fotocamera e la mancanza di servizi Google non ti preoccupa.

LG

Di solito è possibile ottenere buone foto di giorno con un telefono LG, con colori più realistici di quelli di Samsung, ma la scarsa gamma dinamica sembra essere una lamentela comune tra i suoi dispositivi di punta.

I dispositivi LG generalmente non sono così abili come Apple, Google, Huawei e Samsung quando si tratta di scatti notturni e con poca luce. Quindi, se avete intenzione di fare scatti al pub o intorno al fuoco, potreste volere un dispositivo di un’altra marca. Questo non vuol dire che offra brutte immagini in condizioni di scarsa luminosità, ma le altre aziende tendono ad essere un passo avanti.

I telefoni di fascia alta dell’azienda offrono alcune caratteristiche extra, come una modalità cinemagraph (che consente di creare una GIF con elementi selezionati che si muovono in essa) e panorami a 360.

Samsung

Compra un telefono Samsung e puoi tradizionalmente aspettarti di ottenere immagini con colori sovrasaturati. Molto simile a Google, i telefoni del marchio coreano tendono anche a fornire una fantastica gamma dinamica.

Samsung è rimasta indietro rispetto a Google e Huawei quando si è trattato di offrire una modalità notturna di qualità, ma il marchio ha poi consegnato in grande stile con la sua serie S20 e la gamma S21. Quindi dovresti essere in grado di ottenere degli ottimi scatti una volta che il sole va giù.

Le recenti ammiraglie Samsung offrono anche una comoda modalità Single Take. Entra in questa modalità e il telefono scatterà automaticamente foto e video per te. La famiglia S21 offre anche una funzione Director’s View, che essenzialmente mostra la vista da ogni fotocamera senza dover passare da una all’altra. Speriamo di vedere più aziende offrire questa funzione.

Xiaomi

Il marchio cinese Xiaomi è un’altra scelta popolare in Europa, India e altri mercati, offrendo telefoni economici e hardware capace. Un filo comune tra i recensori di Android Authority è che i telefoni Xiaomi offrono colori naturali e leggermente saturi durante il giorno, non proprio avvicinandosi ai livelli di saturazione di Samsung. Tuttavia, i nostri recensori tendono anche a pensare che i telefoni Xiaomi potrebbero fare con una migliore gamma dinamica.

Quando si tratta di riprese in condizioni di scarsa luminosità, i dispositivi Xiaomi tendono a variare selvaggiamente da deludenti a fantastici. I telefoni più economici di Xiaomi tendono a non avere la stabilizzazione ottica dell’immagine sulla fotocamera principale, il che significa che è necessario tenere il telefono il più fermo possibile quando si scattano foto notturne per evitare la sfocatura.

Prendete due telefoni con specifiche identiche di produttori diversi, e vedrete sicuramente una qualità fotografica leggermente diversa a causa del modo in cui ogni marchio elabora le immagini. Questo è particolarmente evidente nella riproduzione dei colori, nella gamma dinamica e di notte. Dovresti comunque provare a mettere le mani su un modello demo o sul dispositivo di un amico prima di prendere una decisione.


Megapixel: Più alto è sempre meglio?

I megapixel sono diventati uno dei metodi più comuni per giudicare la qualità percepita della fotocamera. Questo è vero soprattutto quando si tratta di telefoni entry-level. In generale, una fotocamera da 8MP, 12MP o 13MP è quasi garantita al 100% come migliore di un telefono dello stesso produttore con una fotocamera da 5MP. Questo perché più megapixel equivalgono a più dettagli – anche se può essere un caso di rendimenti decrescenti quando si arriva a telefoni da 48MP+.

Ora stiamo vedendo anche telefoni da 48MP, 64MP e 108MP, e questi alti numeri di megapixel non sono solo per lo spettacolo. Invece, i telefoni con fotocamere ad altissima risoluzione in genere utilizzano una tecnica chiamata pixel-binning per scattare foto di dimensioni più piccole. In poche parole, le informazioni di tutti quei megapixel vengono distillate per scattare foto migliori a una risoluzione inferiore. Per esempio, i telefoni da 48MP spesso scattano foto da 12MP di default, mentre quelli da 108MP di solito scattano foto da 27MP di default. Puoi ancora scattare foto a piena risoluzione con la tua fotocamera da 48MP, 64MP o 108MP, ma vedrai il beneficio solo quando scatti foto in pieno giorno.

Ma Google, Apple e Samsung dimostrano anche che le fotocamere da 12MP abbinate a grandi tecniche di elaborazione delle immagini possono fornire risultati molto impressionanti. Quindi non dare automaticamente per scontato che più alto è meglio quando si tratta di megapixel. Infatti, la qualità delle foto in condizioni di scarsa illuminazione può soffrire se si stipano più megapixel su un piccolo sensore della fotocamera. Pensate a questo come avere 12 persone su un autobus contro 12 persone in una macchina.

Ci aspettiamo comunque che più marche offrano fotocamere ad alta risoluzione in qualche modo in futuro. Questo perché la registrazione video 8K richiede almeno una fotocamera da 33MP+, proprio come la registrazione video 4K richiede una fotocamera da 8,5MP.

TL;DR: I megapixel tendono ad essere importanti per i telefoni di fascia bassa, ma meno per i dispositivi di fascia alta. E aziende come Apple e Google tendono a fare affidamento sull’intelligenza del software per offrire foto di prima qualità con le loro fotocamere da 12MP.

Ci sono alcuni altri fattori che aiutano a fornire una grande fotocamera per smartphone, e una delle caratteristiche più importanti è la stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS). Questo è un po’ di hardware, che di solito si trova sulla fotocamera principale e sullo zoom, che aiuta a mantenere la fotocamera stabile.

L’OIS riduce il tremolio causato dal tremolio della mano o dal movimento generale del telefono. È più probabile che le foto risultino sfocate senza OIS, specialmente di notte quando l’otturatore deve rimanere aperto un po’ più a lungo per catturare una foto più luminosa. Questo è utile anche per i video, assicurando che le clip registrate non siano un pasticcio traballante.

Sfortunatamente, l’OIS è generalmente limitato ai telefoni di fascia alta e ai dispositivi di fascia media superiore, quindi non dovresti aspettartelo sul tuo telefono da 100 a 200 euro. Tuttavia, vale ancora la pena chiedere se il dispositivo desiderato ne è dotato.

Siate consapevoli del fatto che alcune aziende generalmente propagandano l’EIS (stabilizzazione elettronica dell’immagine) o la generica “stabilizzazione dell’immagine”. Questo è un approccio guidato dal software che generalmente non è buono come l’OIS, ma l’esecuzione tende a variare a seconda del produttore. Quindi, se viene offerta la scelta tra un telefono con EIS e uno con OIS (supponendo che siano quasi identici altrimenti), consigliamo di andare con il secondo.

Molti telefoni stanno anche arrivando con modalità AI per le loro fotocamere, e questo utilizza semplicemente il riconoscimento di scene e oggetti per regolare automaticamente le impostazioni dell’immagine. Huawei la chiama modalità AI, mentre Samsung la chiama Scene Optimizer, e LG la chiama AI Cam.

Queste modalità guidate dall’intelligenza artificiale possono rilevare che stai puntando la fotocamera su un piatto di cibo, quindi aumentare la saturazione del colore per un’immagine più vivida. Oppure potrebbe rilevare che si sta puntando la fotocamera su un paesaggio urbano illuminato dal sole, quindi attivare automaticamente l’HDR per garantire che il cielo luminoso e le aree in ombra siano tenuti sotto controllo. Alcune modalità AI possono anche rilevare le persone in uno scatto e attivare automaticamente la modalità ritratto, dandoti uno sfondo piacevolmente sfocato.

Fortunatamente, le modalità AI possono essere disabilitate su molti telefoni, nel caso in cui si preferisca avere il controllo completo sullo scatto.

Lascia un commento